• Workshop abitare morano: i luoghi dell’abitare storico

    intervento 8

    INTERVENTO 8 – Workshop abitare morano: i luoghi dell’abitare storico

    Con questo intervento si vuole perseguire la conoscenza per la conservazione dei caratteri significativi dei beni individuati nel progetto complessivo al fine della loro valorizzazione, rivitalizzazione e ri-fruizione unitamente alla riqualificazione e rigenerazione delle aree prossime a questi.

    Il centro storico di Morano, di rara bellezza, è affetto dal fenomeno dello spopolamento e dal degrado di parte dell’edificato e del tessuto urbano, ma particolarmente significativo per i suoi caratteri identitari. 

    La finalità è di proporre azioni di conservazione e di successiva ri- fruizione dei manufatti di interesse per riportarli al ruolo di attrattori culturali, economici, turistici. 

    Il centro storico di Morano è stato oggetto di una precedente sperimentazione di ricerca, confluita in pubblicazioni e in un workshop e una mostra, in cui è stata studiata l’area prossima al castello, il rione Castello. Le acquisizioni cognitive e gli scenari di conservazione e riqualificazione proposti permettono in questa fase di ripartire dai risultati conseguiti e di estenderli ad altre aree di interesse. 

    Le azioni immateriali proposte per perseguire tali finalità comprendono attività relative alla ricerca e alla conoscenza dei beni e del tessuto edilizio che li accoglie, scenari per la conservazione, per il restauro, per la riqualificazione delle architetture e la rigenerazione urbana.   Le attività evidenziate possono riassumersi in:

        • Studi e procedure di analisi al fine della conoscenza dell’ambito/i, propedeutiche alla redazione del progetto di conservazione, attraverso letture storico-critiche dei caratteri significativi (formali, funzionali, costruttivi e materici e di consistenza dei manufatti prescelti), 

        • Ricostruzione storica delle varie fasi evolutive dei beni, individuazione dei caratteri significativi da conservare e valorizzare.

        • Proposte di conservazione, restauro e rigenerazione/rifruizione dei manufatti individuati nel progetto complessivo, sulla base delle conoscenze acquisite,

        • Proposte di riqualificazione dei manufatti e rigenerazione urbana delle aree in cui questi ricadono, e di riqualificazione di spazi pubblici, collegati ai manufatti e/o in quanto aree in stretta relazione fisica con gli immobili/beni sedi di servizi culturali/turistici;

        • Azioni ed eventi per la divulgazione (workshop, mostre, pubblicazioni ecc).

      In tal senso si persegue l’obiettivo integrato di anamnesi e di valorizzazione dei beni storico-culturali prescelti, attualmente sottoutilizzati e in stato di abbandono, di evidenziare con opportune azioni di conservazione le potenzialità occultate dalla condizione di degrado in cui versano, proponendo la loro riutilizzazione da parte della società contemporanea con opportune destinazioni d’uso.

      In base al cronoprogramma proposto, le azioni possono sintetizzarsi così:

      • Analisi e ricognizione: In questa fase si procederà a una ricognizione degli studi effettuati in precedenza e degli esiti raggiunti, nonché a una ricerca sulla letteratura del borgo insieme a una schedatura degli elementi già studiati. Queste azioni serviranno come linee guida per le fasi successive.
      • Studio storico critico del borgo: In questa fase si analizzerà la storia e l’evoluzione del borgo, con particolare attenzione alle sue tre anime: difensiva, religiosa e rurale/produttiva.
      • Studio emergenze: In questa fase si studieranno gli edifici emergenti del borgo, uno per ciascuna delle tre anime, attraverso letture storico-critiche e azioni di rilevamento dei beni.
      • Scenari di tutela: In questa fase si definiranno scenari di tutela per i beni individuati, con particolare attenzione al restauro e alla conservazione.
      • Scenari di valorizzazione e rigenerazione di beni culturali: In questa fase si proporranno scenari di rifruizione dei beni individuati con nuove e compatibili destinazioni d’uso culturali, sociali e collettive.
      • Definizione ambito ricerca rigenerazione: In questa fase si definiranno le aree residuali del borgo, intese come potenziali in attesa di riattivazione per mezzo di processi di rigenerazione.
      • Scenari di rifunzionalizzazione e riqualificazione: In questa fase si definiranno scenari di trasformazione dello spazio urbano, con particolare attenzione alla rifunzionalizzazione degli edifici e delle aree residuali.
      • Scenari di Interventi materiali e immateriali per la creazione di itinerari culturali e/o naturalistici: In questa fase si definiranno scenari di valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico del borgo attraverso la creazione di itinerari.
      • Rigenerazione urbana delle aree in cui ricadono i beni: In questa fase si attuano gli interventi di rigenerazione urbana definiti nelle fasi precedenti.
      • 1° Workshop: Ri_abitare Morano: In questa fase si svolgerà un workshop didattico e di ricerca con gli studenti del corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura dell’Università della Calabria.
      • Mostra e pubblicazione: I risultati del workshop e del progetto saranno presentati in una mostra e in una pubblicazione. Suddetta mostra sarà tenuta a Morano e presso la sede dell’Università della Calabria.

      In base alle azioni stabilite dal cronoprogramma, l’intervallo di tempo previsto per il completamento di tutte le azioni è Settembre 2023-Giugno 2025. Il costo stimato complessivo, comprensivo di tutte le voci inclusa l’IVA, è di 77.000€ .

      Per scaricare i documenti ufficiali relativi all’intervento 8, clicca sul bottone del documento che desideri scaricare.

      PROGETTO ESECUTIVO